Privato Telecomunicazioni

PERMESSI ELETTORALI

Quando perseverare è diabolico

Roma -

Roma, 10 gennaio ’17

Condannata per l’ennesima volta TIM per l’interpretazione riduttiva delle normative di legge che regolano la fruizione dei riposi compensativi per i lavoratori che svolgono funzioni presso i seggi elettorali.

Infatti, il giudice del lavoro di ROMA con sentenza del 14.12.2016 ha stabilito che se le operazioni di scrutinio si protraggono anche e solo per poche ore nella giornata successiva alla chiusura dei seggi elettorali, ovverosia dopo la mezzanotte nella giornata di lunedì (come nel caso in questione) per tali giornate spetta l’intera retribuzione giornaliera.

…..” stabilisce che i lavoratori chiamati ad adempiere funzioni presso gli uffici elettorali hanno diritto ad assentarsi dal lavoro per tutto il periodo corrispondente alla durata delle operazioni con riconoscimento del diritto, in loro favore, al pagamento di specifiche quote retributive, in aggiunta all'ordinaria retribuzione, ovvero a riposi compensativi per i giorni festivi o non lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle suddette operazioni, senza che risulti posto alcun riferimento al parametro orario.”

…. “il lavoratore ha diritto al corrispondente periodo feriale in altrettante giornate lavorative (da computare in relazione ai "giorni di assenza" dal lavoro compresi nel periodo di espletamento di dette operazioni, e non già ad un criterio di riferimento orario)”

..” sia pure per qualche ora soltanto nell'ultimo giorno delle operazioni elettorali, viene a tutti gli effetti considerata come prestazione lavorativa per l'intera giornata.”

Ciò significa che se l'attività prestata per lo svolgimento delle operazioni elettorali copre una sola parte della giornata, l'assenza è legittimata per tutto il giorno lavorativo che, quindi, deve essere retribuito interamente.

Nonostante ciò TIM perfidamente prosegue ad applicare arbitrariamente regolamenti aziendali  restrittivi della legge vigente, per cui sin d’ora tutti i lavoratori interessati a salvaguardare i propri diritti che volessero tutelarsi individualmente, possono contattarci per maggiori informazioni.

USB settore Telecomunicazioni